Preliminare di compravendita immobiliare

Il preliminare di compravendita immobiliare è un compromesso tra acquirente e venditore che si impegnano a stipulare un successivo e definitivo contratto di compravendita

Cosa devi sapere prima di vendere il tuo immobile

L’acquisto di una casa rappresenta un passo significativo e spesso costituisce l’investimento più importante di una famiglia. In fase di compravendita immobiliare, venditori e acquirenti possono scegliere tra diverse opzioni e contratti preliminari di vendita, siano essi unilaterali o bilaterali, è pertanto fondamentale verificare le clausole e le condizioni prima di impegnarsi. Il preliminare di compravendita immobiliare è un contratto a tutti gli effetti che regola le fasi di transazione tra acquirente, venditore, e talvolta agente immobiliare, che precede l’atto di vendita, o di acquisto, di un bene immobile.

Il compromesso che impegna acquirente e venditore

Per chi acquista, avere più informazioni possibili sull’immobile – l’esatta indicazione del bene oggetto della vendita quali indirizzo, caratteristiche, dati catastali, planimetrie, e il prezzo della vendita – e, soprattutto, accertarsi di effettuare l’acquisto dal legittimo proprietario è imprescindibile. 

Quando non è possibile la vendita immobiliare immediata, perché l’acquirente è in cerca di un mutuo oppure il venditore è in attesa che gli venga consegnata una nuova casa le parti possono decidere di stipulare un compromesso.

Il preliminare di compravendita immobiliare, chiamato anche “compromesso”, è un accordo tra le parti denominate rispettivamente promissario acquirente (chi acquista) e promittente alienante (chi vende) che si impegnano reciprocamente a stipulare un successivo e definitivo contratto di compravendita in cui espongono i propri impegni e le condizioni della vendita stessa.

Trascrizione del preliminare nei registri immobiliari

La stipula del preliminare genera solo un obbligo giuridico tra venditore e acquirente, senza determinare il trasferimento della proprietà. Questo consente al venditore di alienare lo stesso immobile ad altra persona oppure di costituire sullo stesso diritti reali di godimento (ad esempio, un usufrutto) o che venga iscritta a suo carico un’ipoteca e, in questi casi, il compratore potrà chiedere al giudice solo il risarcimento dei danni.

Il contratto preliminare deve essere redatto in forma scritta (scrittura privata, scrittura privata autenticata o atto pubblico, in tal caso è necessario che venga stipulato con l’intervento di un notaio). Al fine di non pregiudicare i diritti del compratore la Legge prevede la trascrizione del preliminare nei registri immobiliari entro 20 giorni dalla data della sottoscrizione.

Stimacasa, il tuo intermediario in caso di preliminare di compravedita

La vendita della propria casa deve essere affrontata con serenità, per questo è importante farsi affiancare da professionisti preparati e attenti come il Gruppo Stimacasa, un Franchising Immobiliare sito in Roma che gestisce una grande rete sia a livello locale che a livello nazionale. 

Grazie alla professionalità, alle competenze tecniche e di marketing e all’assistenza personalizzata di un organico esperto, serio e disponibile, noi di Stimacasa siamo in grado di supportare i nostri Clienti in tutte le fasi di transazione delle loro proprietà cercando la soluzione più adatta secondo le esigenze di ognuno. In qualità di mediatore immobiliare abbiamo sempre l’obbligo di registrare i contratti preliminari di compravendita.

Vuoi vendere casa? Per maggiori informazioni e richieste contattaci via telefono oppure compila il modulo direttamente dal nostro sito. Un nostro consulente dedicato ti ricontatterà prima possibile.

 

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confrontare