Agevolazioni acquisto prima casa: guida al Bonus 2022

Per tutti coloro che hanno fino a 36 anni il Decreto Sostegni-bis prevede agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa

Come accedere al bonus prima casa giovani: quali requisiti bisogna avere e quanto si può risparmiare

Avere una casa di proprietà, ad oggi, per gli Italiani resta il più grande investimento per per il futuro, di sicuro un oggetto di consumo durevole, ma la crisi legata alla pandemia da Coronavirus ha portato alcuni scossoni e il mercato del lavoro ne ha risentito molto. Acquistare un immobile sembra davvero un’utopia, soprattutto per i giovani. In loro sostegno, la Legge di Bilancio 2022 (articolo 1, comma 151, L. 234/2021) ha prorogato al 31 dicembre 2022 le agevolazioni acquisto prima casa per gli under 36 anni introdotte dall’articolo 64, commi da 6 a 11 del Decreto Sostegni-bis (D.L. 73/2021).

Come funziona il Bonus 2022

Il lockdown forzato, lo smart working per i lavoratori e la didattica a distanza per gli studenti, ci ha fatto capire quanto sia importante poter vivere in una bella casa grande, comoda, in un ambiente domestico funzionale e ben strutturato, magari in campagna o in quartieri dotati di aree verdi.

Così le agenzie immobiliari hanno registrato un aumento delle richieste di appuntamento – andati a buon fine oppure no – perché in Italia una casa costa in media 1.729 Euro al metro quadro, con notevoli differenze tra le grandi città come Roma e Milano e la realtà delle città del Sud del paese. 

Da sempre esistono correlazioni tra il tasso di occupazione e l’acquisto della prima casa, di certo, per incentivare tale operazione sarebbe meglio sostenere l’occupazione, soprattutto giovanile. Tuttavia, per il momento, in base al Decreto Sostegni-bis, coloro che hanno meno di 36 anni di età nell’anno in cui l’atto è rogitato e un Isee inferiore ai 40.000 Euro annui hanno accesso prioritario al Fondo di Garanzia Prima Casa già a partire dal 24 Giugno e fino al 30 Giugno 2022. Lo Stato coprirà fino all’80% della quota capitale del mutuo richiesto alla banca che, comunque, non deve superare i 250 mila Euro, oltre ad essere esentati da alcune imposte.

Tra le agevolazioni fiscali troviamo:

  • esenzione dall’imposta di registro (anziché il 2% del valore catastale);
  • esenzione dall’imposta ipotecaria e catastale (invece che 50,00 Euro ognuna);
  • Iva al 4% se si acquista casa dal costruttore che diventa credito di imposta;
  • esenzione dall’imposta sostitutiva dello 0,25% sul finanziamento per acquisto, costruzione o ristrutturazione dell’immobile prima casa. 

Importante, la casa oggetto di acquisto dovrà essere adibita ad abitazione principale e non essere accatastata come abitazione di lusso, invece, non sarà necessario avere un contratto a tempo indeterminato, poiché la garanzia statale è accessibile anche ad autonomi e precari, purché in possesso dei requisiti citati.

Stimacasa: la soluzione per le tue compravendite immobiliari

I giovani che potranno usufruire degli incentivi acquisto prima casa, prima di affrontare un investimento così importante, dovrebbero comunque sapere in cosa consiste la compravendita immobiliare, quali sono le sue fasi e come affrontarla.

Stimacasa, Franchising Immobiliare sito in Roma che gestisce una grande rete di agenzie e affiliati sia a livello locale che nazionale, consente di fare le cose in tutta tranquillità potendo contare su un organico esperto, serio e disponibile in grado di trovare la soluzione più adatta al singolo cliente e alle sue esigenze.

Per maggiori informazioni e richieste contattaci via telefono o compila il modulo direttamente dal nostro sito. Un nostro consulente dedicato ti ricontatterà prima possibile.

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confrontare